Vai al contenuto

Le arti grafiche stanno morendo? Una crisi globale in un mondo che ha bisogno di stampare

Abbiamo sentito dire che la stampa sta per finire praticamente da quando esiste Internet. Negli ultimi anni, il settore delle arti grafiche ha sperimentato una crisi senza precedenti. La catastrofe che affronta questa industria si riflette nel fallimento di storiche tipografie, licenziamenti di massa e un aumento allarmante dei debiti e delle procedure di insolvenza.

Questo declino contrasta ironicamente con l’onnipresenza dei prodotti grafici nella nostra vita quotidiana. Nonostante siamo circondati da elementi stampati come insegne, manifesti, abbigliamento da lavoro, imballaggi, scritte sui veicoli, manuali, agende o planner, libri, lettere tridimensionali, cancelleria aziendale e una lista infinita, il settore sta lottando per sopravvivere.

Dati recenti ed esempi di un declino inarrestabile

La situazione è grave. Secondo i dati della Federazione Europea per la Comunicazione Stampata e Digitale (Intergraf), il numero di tipografie in Europa è diminuito del 30% nell’ultimo decennio. Negli Stati Uniti, la Printing Industries of America (PIA) ha riportato che il numero di tipografie è diminuito del 25% negli ultimi cinque anni. In tutto il mondo, grandi nomi come R.R. Donnelley hanno affrontato difficoltà finanziarie e ristrutturazioni, con perdite milionarie e centinaia di dipendenti licenziati (vedi il caso in Argentina).

Esempi come quello della Quebecor World in Canada, una delle più grandi tipografie del mondo, che ha dichiarato bancarotta nel 2008, sono solo l’inizio di una tendenza allarmante. Più recentemente, nel 2023, la storica tipografia francese CPI ha chiuso diverse sue sedi, licenziando più di 500 dipendenti.

Evoluzione e previsioni del mercato delle arti grafiche

Nonostante questo quadro catastrofico per il settore, visibile in ogni angolo del pianeta distruggendo migliaia di aziende familiari, la necessità di prodotti delle arti grafiche non è diminuita.

Infatti, secondo il rapporto “The Future of Print to 2030” della Smithers Pira, si prevede che il mercato globale della stampa commerciale crescerà. Ci sarà anche un notevole aumento nella stampa degli imballaggi, che dovrebbe rappresentare quasi due terzi del mercato globale nel prossimo decennio.

Le pubblicazioni stampate continueranno a rappresentare una parte significativa del volume totale di stampa, occupando il 40% del mercato.

Il mercato globale della stampa commerciale è stato valutato circa 411 miliardi di dollari nel 2021, e si prevede che cresca a un tasso di crescita annuale composto del 2,24% fino al 2026, in contrasto con le previsioni precedenti.

Questa apparente contraddizione solleva la domanda: perché le tipografie stanno morendo se la domanda rimane alta?

Prodotti stampati ovunque

Basta uscire a prendere un caffè. L’insegna o le lettere tridimensionali del caffè, i camion di consegna vinilati, le magliette del personale, i cartelli promozionali, le bustine di zucchero, il pacchetto di sigarette, le etichette su tutte le bottiglie del caffè, i cartelli dei prodotti e persino le tende e le sedie serigrafate sono prodotti delle arti grafiche. Nelle nostre case e uffici, i quadri decorativi, le confezioni dei prodotti, le etichette e le borse alimentari sono tutti impregnati della necessità di stampa grafica. Non c’è dubbio che le arti grafiche sono necessarie come sempre.

Chi sopravvive in un mercato frammentato?

La questione è capire chi sopravvive in un ambiente così ostile. Come suggerisce Warren Buffet, sopravviveranno quelle aziende con un forte valore di marca e che possono esternalizzare le operazioni e la produzione. Il settore grafico è estremamente frammentato, senza grandi attori che dominano il mercato. La mancanza di consolidamento trasforma molte tipografie in commodities, portandole al fallimento imminente.

Le tipografie che hanno capito questa realtà hanno concentrato i loro sforzi sul rafforzamento del loro marchio e sul controllo della qualità, delegando al contempo la produzione e le operazioni. Questa strategia permette loro di minimizzare i costi fissi e di guadagnare in flessibilità, consentendo loro di adattarsi rapidamente quando il mercato lo richiede.

Un esempio notevole è Cimpress, con il suo marchio Vistaprint, che ha costruito un impero basato sulla forza del suo marchio e sull’esternalizzazione efficiente. Il suo valore di mercato ha subito fluttuazioni nel corso degli anni, ma mantiene una crescita storica stabile che le aziende delle arti grafiche senza marchio non possono raggiungere.

Anche le aziende di medie dimensioni, come Moo, operano allo stesso modo, specializzandosi in un tipo specifico di prodotto come i biglietti da visita e assorbendo una parte del mercato lasciato dalle tipografie che le fornivano.

Ci sono anche storie di successo in aziende più piccole. Colorprinter è un esempio di costruzione di beni immateriali, che senza un singolo laboratorio proprio, ha una presenza in più di venti paesi e ha mantenuto una crescita annuale superiore al 40% negli ultimi sei anni.

Questi sono solo alcuni esempi di successo che dimostrano la necessità di adattamento e reinvenzione. Solo coloro che comprendono il valore del marchio e l’esternalizzazione di tutto ciò che può creare perdite sopravvivranno in un mercato frammentato che ogni giorno vede meno concorrenti.

La “morte” delle tipografie tradizionali non significa affatto la fine delle arti grafiche, come si chiede nel titolo di questa indagine, ma piuttosto una trasformazione verso un modello di business più sostenibile e adattato alle esigenze del mercato attuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *